giovedì 6 ottobre 2011

Miss Ripley - Episodio 2



Dopo un primo episodio introduttivo che ci ha presentato bene o male i 4 protagonisti (Silvia: non erano 3? Ah, no! C'è anche Micky scusate ), in questa seconda puntata vedremo come cambierà la loro vita... ovvero rimarrà uguale.
La sfigata (Jan Mi Ri) rimane sfigata, anzi... sembra che per lei le cose vadano sempre peggio. Alè!
Sembrava che ce l'avesse fatta, che Jang Myung Hoon (l'antagonista attempato) le avesse offerto il lavoro che tanto cercava, ma... aimè, non aveva fatto i conti con la sfiga che le sta attaccata addosso peggio di una zecca (Silvia: parli di Micky? ) ... (Silvia: mi sa di no)




Avete mai visto in faccia la disperazione? Eccola.
(Silvia: disperazione e botulino...
effettivamente non l'avevo mai vista
quest'accoppiata )


Intanto la nostra scodella di ramen a cui vogliamo tanto bene (Silvia: anche lui non è cambiato, scodella era e scodella rimane ), è sempre più cotto della sfigata e per farci capire che lui ha tutto quello che serve per conquistarla (i soldi ), ci mostra quanto è ricco e anche quant'è importante. Bravo Micky, certo che dal recitare i Dialoghi di Confucio a gestire un albergo a 5 stelle, ne hai fatta di strada (Silvia: che dilemma, meglio il gaio o il ricco, il ricco o il gaio. Ma ci credete che è un dilemma? ). Un balzo di secoli direi .
Moon Hee Joo, ovvero l'antagonista perfetta, non fa altro che darci prova della sua perfezione. Lei è gentile ma sa ribattere alle accuse ingiustificate, è spigliata ed intelligente, ma non va alla ricerca di raccomandazioni per trovare lavoro. Insomma... la odiamo ogni minuto di più . Aspettiamo con ansia il momento in cui qualcuno le darà una bella batosta . (Silvia: o botta in testa...)




Ma non vorreste cancellarle dalla faccia
quel sorriso? Noi sì

E ci scusiamo se dalle foto sembra che in questo drama non ci sia niente d'interessante per cui valga la pena seguirlo, ma di Scheduler ce n'è uno solo   (Silvia: anche di Micky... che sf... va be' mi autocensuro... e fumo !)


Episodi Precedenti

Nessun commento: