domenica 26 settembre 2010

Resurrection [부활 ]

Scheda
Titolo: Resurrection
Genere: drammatico
Paese: Corea del Sud
Episodi: 24
Sottotitoli: Dic


Cast
Uhm Tae Woong è Yoo Shin Hyuk/Seo Ha Eun
Han Ji Min è Seo Eun Ha
So Yi Hyun è Lee Gang Joo
Go Joo Won è Jung Jin Woo


Trama
Yu Gang-Hyuk ha solo 7 anni quando vede morire in un incidente d'auto il padre. Verrà cresciuto da Suh Jae-soo che lo ribattezzerà Suh Ha-Eun in quanto il ragazzino, in seguito al trauma non ricorderà nulla, nemmeno il suo nome. Anni dopo Ha-Eun, agente della Omicidi, si trova invischiato un un caso di apparente suicido che affonderà le radici nel suo lontano passato.

Recensione a cura di Silvia
Dunque... dopo aver visto Resurrection avevo optato per il silenzio stampa poi mi son sentita in colpa, non posso non condividere i miei vaneggiamenti profondi pensieri con voi, così ho pensato bene di spendere due paroline anche su questo drama.
Vediamo... "drama apprezzabile". Ecco le due paroline, grazie e arrivederci alla prossima!
...
.....
.......
Ecco perchè non volevo recensire Resurrection il problema è che non so cosa dire . Brutto segno? Ehm... no, boh, forse... Ok, mi ripiglio e ci provo.
Resurrection racconta una storia sofferta e complicata, coinvolgente e ben strutturata, ma ha un difetto che a mio gusto ha penalizzato fortemente il drama che poteva avere un 9 e si becca invece solo un 7. Qual è il difetto? Semplice. Questo drama è lento.
I 24 episodi potevano benissimo essere 16, massimo 20 e i quasi 15 personaggi intorno ai quali ruota la vicenda potevano essere ridotti di conseguenza. Io sono uscita dalla prima puntata stravolta . Pensate che l'ho dovuta ricominciare - armata di carta e matita - per annotarmi i nomi della miriade di gente che viene presentata, e alla fine ero così fatta e contraffatta che non ho nemmeno capito che le parti di Ha Eun e Shin Hyuk erano interpretate dallo stesso attore e che i due erano quindi gemelli .
Ma giuro che dopo la prima puntata questa fase di rincoglionimento mi è passata . Mi son ripresa e ho proseguito la visione.
Dopo aver ritrovato la bussola tutto è filato via molto meglio e sinceramente mi sono anche affezionata al nostro vivace protagonista. Nonostante non ricordi niente della sua infanzia, nonostante lavori alla Omicidi (e c'è poco da stare allegri! ) nonostante non sia stato cresciuto dai genitori biologici, ma da un patrigno che nemmeno lo voleva, lui è sempre gaio e felice . Oltre che innamorato della sorella e fortunatamente ricambiato.
Tutto cambia quando un tragico episodio della sua infanzia torna a galla e la scoperta di avere un fratello gemello potrebbe completare quel cerchio che non si era mai chiuso.
I due si incontrano e dopo qualcosa come 12 anni di separazione, passano insieme 12 fantastici minuti (). Poi il gemello di Ha Eun viene assassinato (per sbaglio, il bersaglio era proprio Ha Eun ) e il cerchio si apre nuovamente...
A questo punto inizia la fase della vendetta, della serie " vi ucciderò tutti!".
Ha Eun per indagare indisturbato fa credere a tutti di essere stato veramente ucciso e prende il posto di Shin Hyuk.
Non vi dico a questo punto quante lacrime ho versato . E' stato straziante vederlo vivere con quella madre che per tutta una vita non ha potuto abbracciare, o con la sorella, la quale non comprendeva i suoi improvvisi slanci di tenerezza essendo stato Shin Hyuk (il morto) sempre freddo e scostante (crescere senza il gemello l'aveva turbato parecchio ).
Ed è stato altrettanto straziante vedere il patrigno (quello che all'inizio non lo voleva adottare, ma che con gli anni ha imparato a volergli tanto ma taaaaanto bene) e la sorella (aka fidanzata) non darsi pace. Lei poi per 24 puntate è sempre con la lacrima attaccata all'occhio... oddio non che l'intero cast abbia mai espressioni particolarmente giulive...







Insomma c'è tutto un corollario di personaggi che crede di avere davanti Shin Hyuk invece di Ha Eun il quale, con la freddezza che solo il dolore può portare, indaga sul passato della sua famiglia, scopre verità agghiaccianti ed è fermamente deciso a vendicare il gemello morto. Ben presto scoprirà di non potersi fidare di nessuno e che il nemico pronto a tradirlo è qualcuno di totalmente inaspettato. Ma Ha Eun ha ormai deciso. Il suo spirito buono e onesto è andato a farsi benedire e non avrà pace finchè giustizia non sarà fatta.
Una bella trama, tirando le somme posso anche dire che ci sono stati diversi colpi di scena, ma tutti nelle ultime puntate. Insomma 8 di meno avrebbero reso Resurrection un drama bellissimo, ma si merita comunque un 7 perchè il protagonista è stato decisamente bravo bravissimo (forse aveva partecipato al programma di Mike Bongiorno ) e se non fosse stato per lui probabilmente non sarei mai arrivata alla fine viva.



6 commenti:

utente anonimo ha detto...

Come sempre, ottima recensione. Però come drama mi convince ben poco.Se a questo aggiungi l'antipatia che ho verso il protagnista... allora non credo che lo vedrò. Giada

giugno30 ha detto...

 Io sono ancora così... soprattutto per le facce tutte piangenti e per i 12 minuti che passa con il fratello!Prima o poi lo vedrò... penso molto poi :)Grazie Silvia di aver condiviso i tuoi vaneggiamenti!

Leggiamo ha detto...

Moni, sono 12 minuti molto intensi, valgono 24 ore di drama!Cmq non ho usato solo questa faccetta , ma anche questa (e questa fa la differenza!).

giugno30 ha detto...

Stupida io a non notarla ...La differenza sarà notevole immagino!

utente anonimo ha detto...

Abissale Silvia

utente anonimo ha detto...

OMO!!!! che recensione lunga....la leggo domani...grazie della dedizione a noi utenti pigri