mercoledì 14 luglio 2010

Personal Taste 개인의 취향



Scheda

Titolo: 개인의 취향 / Kaeinui Chwihyang
Conosciuto anche come: Kae In's Taste / Personal Taste
Genere: Romance, comedy
Episodi: 16
Trasmesso da: MBC
Sottotitoli in italiano: Dic fansub



Cast
Son Ye Jin as Park Kae In
Lee Min Ho as Jeon Jin Ho
Kim Ji Suk
as Han Chang Ryul
Wang Ji Hye as Kim In Hee
Choi Eun Seo as Na Hye Mi
Im Seul Ong as Kim Tae Hoon
Jo Eun Ji as Lee Young Sun
Jung Sung Hwa as No Sang Joon
Ryu Seung Ryong as Choi Do Bin



Trama
Tratto dall'omonimo romanzo di Lee Sae In
Il titolo del drama è un gioco di parole, Gae-in letteralmente significa "personale" in coreano.
Park Gae In vive insieme alla sua amica Kim In Hee nella sua splendida casa, progettata dal padre, un famosissimo architetto, chiamata Sango go jae.
La sua vita subirà un duro colpo quando al matrimonio di Kim In Hee scoprirà che il misterioso sposo non è altro che Han Chang Ryul, il ragazzo che solo fino al giorno prima era il suo ragazzo.
Costretta a subaffittare una stanza di Sanggojae per far fronte ai debiti fatti da un suo amico trova in Jeon Jin Ho un ottimo candidato. Cosa c’è di meglio di un coinquilino gay?
Jeon Jin Ho ha però molti segreti da nascondere…
 

 

Qual è la cosa che più desiderano le universitarie per Natale?
Vestiti? O forse un ragazzo?
Bingo, un ragazzo. Ma un ragazzo gay.
Le ragazze desiderano davvero
un fidanzato gay per Natale?
Motivi per desiderare un fidanzato gay:
può fare shopping con te,
capisce il cuore di una ragazza ed è più facile comunicare 
 



Recensione di Moni-Obachan 


 
Cosa c’è di meglio di una commedia romantica basata sugli equivoci, un'allegra commedia che oltre ad unire una convivenza tra un uomo e una donna unisce anche la formula giusta per far nascere molti ambigui comportamenti?

Cosa c’è di meglio di una ragazza solare che si scontra con un uomo freddo e completamente devoto solo al lavoro?

Come incipit non è niente male vero?
 

A parte il fatto, che tutto poteva sicuramente riuscire meglio di “Personal Taste”.
 
 


Personal Taste è un drama che aspettavo impazientemente. Non solo ritrovavamo il nostro Lee Min Ho (Sara non stare continuamente a specificare il tuo… ti ho sentita fino a qui) ma inoltre aveva le basi per una storia davvero spettacolare.
Immaginavo già equivoci a non finire e una corrente elettrica tra i protagonisti, con una attrazione fatale che non poteva essere rivelata.
Probabilmente se non ci fosse stata tutta questa aspettativa sarei stata molto meno severa ma avendolo aspettato tanto ti rendi conto che nel momento in cui lo finisci hai la sensazione di essere stata imbrogliata. Non è che il drama non ti piaccia, è passabile, caruccio ma il problema è che non ti piace mai abbastanza.
 


Il drama scivola via come di qualcosa di già visto, già sentito.


La storia ha inizio quando per cause "totalmente oscure" la nostra Park Gae In nella stessa giornata incontra quelle cinque - sei volte Jeon Jin Ho. 
La prima volta quando cercano di prendere lo stesso taxi, poi prendono lo stesso autobus - in cui avverrà lo scontro vero e proprio, di nuovo più tardi proprio mentre la ragazza parla con il suo fidanzato l'altro casualmente origlia e per finire quando la ragazza lasciata dal ragazzo si ritrova ubriaca in un motel indovinate chi incontra.... Insomma diciamo che gli sceneggiatori si sono impegnati per farci comprendere che questi due erano destinati l'uno all'altra.


Purtroppo i due ragazzi hanno anche altro in comune in questa giornata: la sfiga.


Lei viene lasciata dal suo ragazzo Han Chang Ryul,  con “per me sei sempre stata un cane inzuppato dalla pioggia che vagava per le strade” mentre era convintissima di star per ricevere la tanto sospirata proposta di matrimonio. 
Purtroppo la sfiga non è ancora terminata.
Lei scoprirà che il ragazzo l'ha lasciata per la sua amica e coinquilina Kim In Hee e che il suo amico nonchè assistente le ha ipotecato la casa e lasciata con enormi debiti. L'unica cosa che potrebbe salvarla sarebbe subaffittare la stanza lasciata vuota da Kim In Hee a Sanggojae.

Nel frattempo anche Jeon Jin Ho ha i suoi problemi. Lo studio di architettura non se la passa bene, l'ex socio del padre nonchè padre di  Han Chang Ryul (l'ex ragazzo proprio di Park Gae In) è riuscito grazie alle sue amicizie a rubargli un lavoro importante e lo studio si trova sull'orlo del lastrico. L'unica cosa che potrebbe salvarli dalla bancarotta è ottenere l'importante progetto della Galleria Dan ma anche in questo caso di scontreanno ancora con lo studio del padre di Han Chang Ryul.
Grazie pero' a una soffiata riescono a scoprire che la linea guida del progetto sarà Sanggojae, la casa del famoso architetto Park.
A Jin Ho non rimane che provare a entrare in Sanggojae e scoprire i suoi segreti e quale migliore occasione se non quella di diventare il futuro coinquilino di Park Gae In?

Park Gae In, brava ragazza coreana, però non accetterebbe mai un inquilino di sesso maschile ma per una serie di equivoci scambia il ragazzo per gay ed è strafelice di averlo come coinquilino.
Cosa c'è di meglio di avere un amico gay???
Un uomo con cui aprire il proprio cuore e con una dolce sensibilità e soprattutto qualcuno che non ti ruberà sicuramente il fidanzato.

La storia nasce da qui.
Il drama ha tutti i numeri per poter riuscire ma c'è qualcosa che lo frena e tu non puoi che rimanerne delusa. Non ci sono grandi colpi di scena, forte emozioni.
La storia è bella pero' manca in moltissimi punti di sentimento. Non riesci mai fino in fondo ad emozionarti. Sorridi delle situazioni ambigue però ti sembra di farlo sempre con un certo distacco.
Le varie situazioni forse sono talmente tanto banali che non riescono a colpirti fino in fondo...


Anche i personaggi finiscono per diventare solo dei clichè.

Lei è la solita ragazza ingenua e solare, trasandata nel vestire e un po’ maschiaccio (ma che grazie a un paio di lezioni del suo amico gay trova femminilità e bellezza     °_°).
Il solito personaggio femminile, dolce e fiduciosa… ingenua… o per dirla tutta credulona….
Ok, meglio dire le cose come stanno, Park Gae In è una citrulla!! Sono un pochino crudele ragazze ma ci sta tutto.


Nelle prime due puntate riesce a farsi imbrogliare da:
-   Migliore amica nonché inquilina che gli ruba sotto il naso e senza fargli capire nulla fino al giorno del matrimonio il fidanzato;
-  Dal fidanzato che non solo riesce a tenere in piedi due relazioni ma mentre sta con te organizza, sotto il tuo naso, il matrimonio con la tua migliore amica;
-  Migliore amico che sempre sotto quel naso, ti soffia tutti i tuoi soldi e ti ipoteca la casa;
-  Non ultimo il tuo nuovo coinquilino gay che non è poi tanto gay come tu credi… (anche se questo ci metterà un pochino per scoprirlo!)

Ma se all’inizio hai un bel po’ di simpatia per lei successivamente questo suo essere fin troppo accomodante comincia a divenire un po’ fastidioso e assolutamente fuori posto. C’è un limite a tutto. Oltre ad essere il consueto personaggio femminile sfigato… alla fine diviene patetico.
 
Passiamo a Lui!

Il classico ragazzo tutto lavoro, duro, inflessibile fissato per l’ordine e la pulizia nonché, logicamente, freddo come un iceberg.
Nella mia mente per un attimo sono passati i veri personaggi del genere:


Hwang Tae Kyung di You are beautiful, il maniaco igienista che ti fa rabbrividire con uno sguardo
o ridere a crepapelle mentre prepara con bisturi e mascherina il maial-coniglio,
per non parlare di quando scappa dal maiale…


Shin in Goong così rigido nella sua divisa regale ma tanto fragile ;

L’avvocatuccio di Pick the star cosi severo e intransigente che quando si emoziona non può far altro che parlare da solo…
 


Se immaginate qualcosa di simile scordatevelo, nonostante Lee Min Ho, questo architetto è davvero una noia mortale!
Anche nelle scene in cui quella patina di freddezza doveva scomparire per lasciar trasparire un po’ di sano ormone maschile… lo troviamo immobile. Nelle scene in cui dovrebbe essere simpatico o spiritoso (vedi maschera per il viso), ancora noia.


<-----------------------------Modello Architetto cool:



Da notare il pantalone corto e stretto stretto a evidenziare forme *__*, borsa gigante per tutte le sue cosucce... da notare sono i mocassini...
Ma soprattutto basta con tutto quel lucidalabbra   

fossi gay veramente???????



  


I due protagonisti inoltre, secondo me, hanno zero alchimia.
Anche nelle scene più “pucci” risultano essere sempre qualcosa di meno intenso di quello che ti aspettavi. Non so se questo è dovuto ai due attori oppure ai personaggi che non riescono a trovare un loro vero spazio... ma fatto sta che a parte qualche rara occasione difficilmente si riesce a scorgere un'attrazione tra loro.
 


Gli altri personaggi
 



I due antagonisti li ho trovati in molti punti fin troppo forzati, soprattutto lei. In realtà sono piu' una forma di disturbo che veri e propri rivali...

La cosa che invece approvo a pieni voti sono i due amici dei protagonisti. L’amico di lui meraviglioso nel fingersi gay, e l’amica di lei simpaticissima. Veramente attori ECCEZIONALI!!! Tant'è che le parti più esilaranti sono state proprio le parti in cui ci sono i due.
Mentre totalmente inutili si sono rilevati l'altro aiuto architetto (non ricordo il nome proprio per la sua inutilità) innamorato della "quasi-sorellina" di lui a sua volta innamorata di lui...



Peccato per il resto una grande occasione persa. Chissà se sarebbe stata tutta un altra storia se gli attori fossero stati i meravigliosi protagonisti di Goong, Yoon Eun Hye e  Joo Ji Hoon.
 
Aspetto vostri commenti
 


16 commenti:

donnasara ha detto...

Ma...ma...ma me lo hai ucciso!!Il mio povero secondo marito!!! Min ho ti consolo io...vieni qua!! Scappa dalla "brutta" Obachan cattivona!!A parte gli scherzi! Secondo me quei pantaloni sarà la moda della primavera prossima qua da noi!!! Poi cosa dirai a tuo marito!!??

loradix ha detto...

Ora ho capito perchè non seguo la moda!

sognatrice28 ha detto...

Ciao ragazze!!Moni complimenti per la tua recensione!!!Sono d'accordissimo con tutto ciò che dici..!!La trama è carina,il genere romantico lo prediligo,Lee Min Ho lo adoro..non solo bello ma anche bravo.....lei non credo di averla vista prima...però non sembra male.... deve essere bello ..allora mi sono detta:perchè non vederlo?Almeno così pensavo.....Sono arrivata alla 8,e fino quì niente di particolare....come hai detto tu Moni...sembra qualcosa di già visto..........in otto puntate ho potuto notare solo un susseguirsi di scene banali.........sempre lo stesso trantran.... niente che cambia da una puntata all'altra...............i protagonisti sembrano avere 0 feeling......insieme danno l'impressione di due pesci lessi!!!!!Al contrario degli amici  che sono simpaticissimi....... con i loro attegiamenti strambimi  fanno morire...specialmente l'amico di lui quando prova a fare il gay..e lei sempre più convita che lui lo sia........!!!Per il resto non sò.....secondo  me ..sto drama manca di emozioni...c'è ne fosse stata una di puntata che mi abbia dato questa sensazione xd.................!!!Moni ,come vedi a me ha dato la stessa impressione.........!!!!!Spero di ricredermi nelle prossime...anche se il dubbio mi rimane...ma la speranza è l'ultima a morire...........non fateci caso a volte sono melodrammatica..........A presto

giugno30 ha detto...

Ciao sognatrice,non so se essere contenta che tu abbia avuto la mia stessa impressione o dispiacermi perchè anche tu sei rimasta delusa da questo drama Vero che i due amici sono fenomenali???? Li adoro!

sognatrice28 ha detto...

 Cara Moni..  più che noi ,a dispiacersi devono essere gli sceneggiatori...potevano impegnarsi di più...i presupposti per un bel drama c'erano tutti.....bastava un pò più di sentimento .........Comunque mi mancano altri 8 episodi alla fine....forse.......magari.......ci spero.................Meno male che ci sono gli amici che animano un pò!!!L'unica cosa positiva di questo drama xd!!!

utente anonimo ha detto...

Allora... sinceramente guardando la faccia del prot. non mi era venuta nemmeno la voglia di vederlo questo drama (ok, non volevo vedere mennemo YAB, non ricordatemelo  ) a me pare un po' lesso .Poi Monica la tua recensione (bellissima l'immagine dell'architetto cool!) mi fa pensare che nel genere non brilli proprio per originalità!Quindi passo...

utente anonimo ha detto...

Era mio il commento sopra!Silvia_leggiamo

giugno30 ha detto...

Silvia hai dato del lesso a Lee Min Ho... scatenerai le ire funeste di Saretta  Io scappoooooSilvietta diciamo che Personal Taste è una commedia molto ma molto leggera... che vola via senza che nemmeno te ne accorgi.. quaindi quando vuoi qualcosa di nn troppo impegnativo!!!!! Nel fratello ribadisco VEDI CITY HALL

utente anonimo ha detto...

Ma... City Hall non è troppo politico e poco intrippante vero? Silvia_Leggiamo

giugno30 ha detto...

NaaaaaaaE' intrippantissimo!!!!!! Fidati è l'unico drama che è riuscito a mettere d'accordo tutte le DD e non!

utente anonimo ha detto...

Perchè sai sto convertendo anche mia mamma ai drama (per YAB è uscita di testa!) ma ha un piccolo problema... li guarda dopo pranzo e se non sono intrippanti...

utente anonimo ha detto...

Condivido in pieno la recensione: anch'io aspettavo con ansia questo drama convinta che avremmo avuto un'occasione per divertirci con una storia frizzante ed invece... una noia motale già dopo un paio di capitoli...zzzzzIl personaggio di lei mi faceva venire il nervoso per quanto zerbino era (è impossibile essere tanto idiota: a questa le è capitato di tutto e di più ed aveva sempre la faccia di una appena caduta dal pero) e Lee Min Ho mi ha sempre dato l'impressione che non si sentisse a suo agio nel recitare in questo drama. Quanto al feeling tra i due protagonisti, be' era praticamente inesistente: onestamente mi hanno fatto rivalutare e di molto la coppia di Oh! My Lady che avevo bocciato (in realtà secondo me più per colpa dell'attrice che di Siwon il quale l'ho apprezzato mano a mano che la storia progredive e che comunque aveva una chimica incredibile con la "figlia").In effetti gli unici due personaggi per i quali merita vedere Personal Taste sono i due amici, simpaticissimi. Tutti gli altri personaggi li ho trovati forzati.Sottoscrivo in pieno il suggerimento di vedere The City Hall che ho appena finito e che mi ha dato tutto quello che è mancato a questo drama: due attori bravissimi (adoro Kim Sun Ah) con un grado di complicità che li ha resi assolutamente credibili come coppia, una satira al mondo della politica fatta però con un tono di commedia che rende il tutto godibile ed una bella storia romantica.Alexa

giadapxd ha detto...

Credo di essere l'unica a non aver apprezzato city hall, o almeno a non essere riuscita a finirlo Vedrò di riprenderlo in mano dandogli un'altra occasione... (e fu così che passarono gli anni...)

loradix ha detto...

Eccomi qui!!!!!!!!
Anch'io finalmente ho finito di vedere Personal Preference.
Cara Monica...che posso dirti? Quoto anche qui quasi tutto quello che hai scritto nella recensione.
La trama era interessante ma lo svolgimento non so...non riesce a prendere lo spettatore.
Si ha davvero l'impressione che manchi qualcosa.
Dei personaggi principali dirò solo che....Min Ho...nonostante il suo bell'aspetto (a parte i calzoni acqua-in-casa davvero da incubo) ha una recitazione parecchio scialbetta.
Non so dirvi se è solo il personaggio che doveva riuscire così..."noioso" o è proprio lui che non è riuscito a renderlo più interessante. Lei...inizialmente non mi piaceva proprio, la trovavo irritante, stupida al limite del possibile, poi ammetto che negli ultimi episodi l'ho rivalutata un pochino ma è rimasta davvero un personaggio a metà secondo me. L'attrice poi non mi piaceva molto per cui non ha aiutato neanche questo.
I due amici si, sono stati davvero divertenti...specialmente l'amico di lui! Il loro rapporto mi è piaciuto da matti...molto probabilmente se lei non fosse stata sposata e madre...dite che si sarebbero messi insieme?
E gli antagonisti?
Lei...non l'ho capita....dai ricordi di Gae In sembrava una così brava ragazza...com'è possible che si sia trasformata tanto? E lui? Chang Ryul...lo ammetto...secondo me è quello che ha recitato meglio.
Perchè lo dico?
Ahahahaha  vi sembrerò pazza, ma nonostante sia stato un vero bastardo all'inizio e abbia fatto soffrire così tanto la protagonista io non sono riuscita mai ad odiarlo.
Mi dispiaceva che i suoi sforzi per farsi perdonare cadessero sempre nel vuoto. E se ho questa sensazione per uno che dovrebbe essere il cattivo della storia, pernso di poter dire che secondo me ha fatto un buon lavoro.
E poi....quando lo hanno ripreso di spalle insieme a Min Ho....lo batteva su tutti i fronti! (diciamocelo...Min Ho ha una bella faccia, è alto....ma è troppo grissino, è un tronco unico e non ha quei muscoletti al punto giusto che "rallegrano l'atmosfera" )
Per cui...a conti fatti, penso di poter dare una sufficienza a questo drama, ma niente di più. Una storia carina...con grandi potenzialità...che chissà poi perchè, non riesce ad esprimersi appieno. Un vero peccato.

giugno30 ha detto...

Ciao Lori,
già un occasione persa. Continuo a pensare che non basta una trama interessante per rendere un drama bello ma innanzitutto è importante che gli attori ti emozionino. Forse è proprio questo che è mancato in questo drama.

ATTENZIONE SPOILER

E anche se qui c'è una bella scena di "letto"  di cui si sente molto la mancanza nei nostri bei drama, alla fine nemmeno quella è riuscita ad emozionarmi eppure se ci penso gli elementi c'erano tutti no????

I due amici, sono fenomenali insieme... e anche se mi sarebbe piaciuta molto una loro storia, ho adorato la loro ultima scena quando compare per la prima e ultima volta il marito di lei... che ridere :) cmq mi piace anche che sono rimasti dei grandi amici

utente anonimo ha detto...

a me questo drama è piaciuto tanto.
Lui bellissimo totalemente diverso da quando fa BBF. 
lei fessa all'inizio poi si prende la rivincita.
Non mi ha solo convinto la storia della morte della mamma di lei.
Per il resto è un 8
Sammy