mercoledì 24 giugno 2009

ToGetHer [愛就宅一起]

botonautores Scheda

Titolo: ToGetHer/Superstar Express
Genere: commedia romantica
Paese: Taiwan
Episodi: 12
Sottotitoli: in inglese da BillaSub

botonautores  Cast


Rainie Yang è Chen Momo
Jiro wang è Zhuang Jun Nan (Mars)
George Hu è Wei Jia Sen
Linda Liao è Chen Chu Chu
Jin Qin è Ke Yi Zhi
Bao Wei Ming è Tony
Wang Jian Long è Ben
Tiffany Xu è Yan Shi Jia (Ivy)


botonautores  Trama


Cosa fare quando il cantante di punta dell'agenzia viene massacrato dai media e ha la popolarità che scende vertiginosamente? Lo si fa stare tranquillo nelle aule universitarie mentre lo scandalo si "raffredda" e le notizie diventano "storia vecchia". Ma per MARS l'ingresso all'università sarà davvero come entrare in un mondo nuovo. E l'incontro con la sua compagna di classe e "padrona di casa" Chen Momo lo farà maturare e trasformare in una persona diversa...


Video





Recensione di Lori-sama


Eccomi pronta a parlarvi dell'ultima "fatica" dramosa della piattola + famosa d'Asia!
Ok..ok...ora un sacco di cori di protesta insorgeranno....già riesco a sentirli, ma abbiate pazienza, per me ormai quello è il suo nome.
E in ogni caso ho iniziato la visione di questo nuovo drama senza nessun tipo di pregiudizio, anzi...ero veramente bendisposta, anche perchè dovete sapere che le storie dove ritroviamo uno dei protagonisti che fa la superstar...beh...ecco....io le adorooo...(è il mio punto debole lo ammetto).
Quindi piena di speranza mi sono messa in visione ma...il risultato è ancora peggiore di tutte le mie più pessime previsioni.
CHE NOIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!
Episodio dopo episodio la storia si trascina in un infinito....nulla!
Diciamo che l'idea non era male, ma i due protagonisti come dire...non hanno legato.
Effettivamente già vedere Rainie insieme a Jiro...era un po' strano...(non so voi, ma io se non vedo l'alchimia della coppia da subito, è difficile che poi riesca a cambiare idea)
Poi il carattere degli stessi era alquanto particolare, lui, superstar in declino, pieno di se, con la convinzione di essere "Dio" per ogni altro essere vivente, lei, una ragazza solitaria, di poche parole, fissata con un particolare manga, il cui protagonista "il principe Kashaba" è diventata la sua ragione di vita.
Vi dico solo che recita le frasi di questo personaggio come di solito i preti recitano le parabole di Gesù....(vi ho detto tutto...)
Inoltre, che le produzione taiwanesi, siano di solito con un badget ristretto è risaputo, ma qui....hanno voluto veramente risparmiare su tutto.
I vestiti di Rainie penso siano i più sciatti di tutto il panorama asiatico (indossa sempre gonne lunghe e magliettine che sembrano addirittura stracci per la polvere a volte!)
E che dire dei parrucchieri? Secondo me li hanno semplicemente tolti e hanno incollato sulla testa della poverina una specie di scodella a cui non si è mosso un pelo per tutte e 12 le puntate.
(E il tocco di classe? Nei flashback in cui si vedeva la protagonista bambina...perchè non metterle in testa una mini-scodella? Eh si () altrimenti poi lo spettatore idiota non si rende conto di chi è....mi pare giusto e decisamente premuroso da parte dei produttori )
Abbandonando le mie critiche alla parte gestionale del drama vediamo di raccontavi un pochino più in dettaglio la trama.

La storia parte quando “Mars” un famoso (ormai non più tanto) cantante si vede stroncare la carriera dalla stampa e la compagnia decide di “gelare” tutte le sue apparizioni pubbliche e di tenerlo tranquillo per un po’ in attesa di tempi migliori.
Quindi come fare a passare il tempo? Facilissimo. Lo iscrivono all’università.
Qui ha ancora qualche fan accanito ma il ragazzo si rende piano piano conto che la sua fama è ormai un ricordo, specialmente dopo l’incontro con Chen Momo, una sua compagna di classe che non ci mette tanto a urlargli in faccia il suo disprezzo per i tipi come lui (vedete come si trasformano le acque chete? MAI…toccare i fumetti di Kashaba senza autorizzazione).
Oltre a questo il ragazzo non lavorando sta rimanendo anche senza soldi…quindi deve trovare una casa dove vivere che possa permettersi.
Di queste questioni ovviamente se ne occupa il suo manager Yi Zhi che gli trova una camera in affitto in una casa privata.
Immagino ci siate già tutti arrivati vero?
Esattooooo! Bingo!
La camera in questione è la stanza dei genitori ormai defunti della carissima Momo, affittata dalla sorella maggiore Chu Chu (ovviamente senza il suo consenso).

L’inizio della convivenza è alquanto tragico. I due non vanno per niente d’accordo, uno abituato a lussi e a salamelecchi, l’altra abituata alla frugalità e dal carattere rigido e poco socievole.
In realtà però Mars è un ragazzo molto gentile e quando la sua patina brillante cade del tutto torna ad essere un ragazzo come tutti gli altri, pieno di dubbi, di problemi, di esitazioni a livello personale, ma molto generoso e con una ferrea ed incredibile determinazione a tornare sulla cresta dell’onda per realizzare il suo sogno e quello di sua madre che ha sacrificato tantissimo nella sua vita per permettere a lui di diventare famoso.
Anche Momo ha qualche slancio di generosità (molto ben nascosto) e quando piano piano capisce il vero carattere di lui li noterete più facilmente.
Con l’andare del tempo il loro rapporto diventa più intimo. Prima Mars ha bisogno di aiuto con l’inglese (da notare che frequentano un corso universitario di lingua e letteratura straniera) di cui non conosce una singola parola, per non fare una figuraccia davanti a tutti i media, visto che la scuola vuole che reciti una poesia in lingua. Poi tocca a Momo avere dei problemi, anche abbastanza seri, quando la sorella si fa ingannare dal fidanzato e finiscono in balia di loschi figuri (dicesi strozzini) che rivogliono immediatamente indietro i soldi.
La sorella pensa bene di darsela a gambe e la povera Momo rimane da sola ad affrontare una situazione davvero pesante. E diciamo che qui si ha la prima avvisaglia del cambiamento radicale avvenuto in Mars, sia per quanto riguarda il suo modo di affrontare i problemi, sia per quanto concerne i sentimenti che nutre verso Momo.

Un altro personaggio importante che sarebbe il caso di nominare è Jia Sen.
Voi direte…il terzo personaggio che chiude il più classico dei triangoli?
Non esattamente.
Jia Sen è un altro compagno di università di Momo. I due sono amici sin dall’infanzia e possiamo dire senza sbagliare che è sempre stato ed è tutt’ora il suo unico vero amico. Il ragazzo è il capitano della squadra di nuoto ed è davvero molto bravo. Adora Momo e farebbe di tutto per lei, unico problema?
Diciamo che nonostante la sua età anagrafica, il suo cervello è rimasto quello di un bambino di 8 anni.
Potete capire come quindi sia difficile per Momo la situazione quando il suo caro amico che lei vuole proteggere dichiara il suo amore per lei, con forza e determinazione.
Di certo lei non lo vuole ferire, ma nel suo cuore è germogliato un nuovo e incredibile sentimento per Mars…
Devo dire che George Hu si è dato particolarmente da fare con la recitazione di questo personaggio, che ammettiamolo, era veramente difficile. Non dico che ne è uscito un capolavoro, ma alcune scene erano veramente recitate alla grande.
Ora mi fermo con la trama, il resto lo lascio per la vostra visione diretta.
Mi direte…ma ce l’hai distrutto, perché dovrei perdere tempo a vederlo?
Giusta osservazione.
Nonostante il mio parere abbastanza negativo….recitazione in primis…davvero pessima…o per meglio dire…molto legata e rigida, alcune cose non sono male.
Diciamo che dall’episodio 9 in poi…nel finale, i due si sciolgono un attimino e le scene romantiche diventano carine, i baci della serie invece sono davvero così così, a parte quello sulla barca, veramente molto romantico e ripreso magistralmente dal regista.
Il cambiamento del protagonista maschile mi è molto piaciuto mentre lei….non l’ho vista granché cambiare…è rimasta la stessa “psicopatica” dell’inizio. Psicopatica in senso lato ovviamente…non è certo matta ma…non sono davvero riuscita ad immedesimarmi in lei, i suoi comportamenti mi risultavano davvero estranei e tutti quei silenzi li ho trovati pesanti.
Insomma…a Jiro la sufficienza, a Rainie no, ma stavolta non credo sia solo colpa sua, ma anche di un personaggio davvero troppo particolare. (Visto come sono imparzialeeee????).
La musica infine è molto carina, quasi tutte sono “ovviamente” canzoni dei Fahrenheit, sigla compresa.
E la chicca è vedere il concerto finale di Mars…


icons credit  >qui<
 

4 commenti:

Zannina ha detto...

Ma la piattola chi sarebbe?
Rainy? O Jiro? XD
Rainy a me piace molto, è una persona simpatica, l'ho incontrata assieme a tutto il cast del drama ed è caruccissima. Anche Linda è simpatica! XD E George... poverino! XD
Bella la recensione! XD

loradix ha detto...

Grazie! La piattola sarebbe Rainie....perchè ormai mi è rimasto questo nomignolo in mente dall'epoca di Devil beside you.
Li hai conosciuti? WOW
Dev'essere stata una bellissima esperienza!

utente anonimo ha detto...

Piattola JIRO??? anche solo a pensarlo dovresti essere fustigata...
E lory nn trattarmi male Georgino XD

utente anonimo ha detto...

eheheh Jiro piattola...xò devo ammettere ke nei drama fa sempre un pò il ruolo dello sfigato povero..chissà xkè è cs un bel ragazzo..=)=)=)