giovedì 4 dicembre 2008

Drama Follia

Drama Follia - La Psicosi de Drama

La psicosi può colpire chiunque. Nessuno ne è a riparo. I disturbi influiscono su tutte le funzioni mentali e la conseguente perdita dei rapporti con la realtà.
Per la medicina moderna e nella persona della Dottoressa Obachan, luminare dell'argomento , la malattia si manifesta quando cominciano a distinguersi nella persona dei chiari sintomi. La malattia poi può passare a uno stadio-dramoso-comatoso in cui vengono interessate tutte le aree del cervello. A quel punto la psicosi è praticamente irreversibile...
Conosciamola nel dettaglio.

I Sintomi

Per poter capire la psicosi è utile raggruppare insieme i sintomi più caratteristici.
La psicosi può portare a cambiamenti dell'umore e delle funzioni mentali ed all'insorgere di idee anormali, ad esempio, litigare per un l'accaparramento del personaggio di un drama sembrerà del tutto normale per uno psicotico-dramoso . Così come redigere una lista di 10 uomini asiatici più appetibili per un eventuale visita di un "angelo" (cit. Dott.ssa Obachan "ho assistito un giorno alla conversazione di 4 pazienti e tutte si preparavano per la visita di questo "angelo dei drama". Una di loro avendo dimenticato il proprio idol, un certo Nicholas, era pronta a fare ricorso alla corte suprema degli angeli…"). La persona si esprimerà con frasi poco chiare che non hanno alcun senso, convinta di saper "parlare" o "cantare" in coreano, giapponese e mandarino quindi in una conversazione troverete spesso inserito a caso: chan, sama, chuchu, zai zai, aja aja fighting. Fanno fatica a seguire una conversazione normale e la concentrazione sul lavoro e sullo studio diventa quasi nulla, tendono più che altro a comunicare con loro utilizzando uno strano simbolismo che sarà un segno inequivocabile della psicosi: DG, CWL, MB...
Alcune persone affette da questa malattia hanno una disfunzione nella comunicazione e ripetono a cantilena poche parole ad esempio: Mike è Mike (cit. della Dott.ssa Obachan "devo dirvi che non trovo in questo caso un chiaro sintomo di patologia… anche perché Mike è Mike^^) La persona affetta da psicosi-dramosa ha continue illusione, che crede realtà. Parla in continuazione di viaggi in Giappone, Taiwan e Corea e a volte è così convinta da arrivare a comprare anche le guide delle città sopraindicate (cit. della Dott.ssa Obachan "ho riscontrato questo sintomo in una paziente particolarmente difficile…").
In alcuni casi particolari, chi è affetto da codesta psicosi, è particolarmente amante del mondo animale, facendo di un particolare animale il simbolo divino della loro esistenza (cit. della Dott.ssa Obachan "una paziente particolarmente strana era diventata un amante delle tartarughe… o meglio, nello specifico caso, delle tartarughe coreane…"). Le più pericolose sono le amanti dei rarissimi topo-scimmia giapponesi… bisogna fare molto attenzione quando ci si avvicina a tali soggetti…

Lo stato emotivo della persona che soffre di psicosi è completamente instabile, portato al masochismo e al sadismo. Non solo godono nel vedere film e drama angoscianti e deprimenti ma anzi tendono a suggerirli, considerando il pianto e la tragedia un emozione positiva (cit. della Dott.ssa Obachan "questo tipo di pazienti sono i più difficili da trattare…quando gli fai l'elettroshock… ridono ")

Primo Stadio

Il primo stadio si caratterizza da una leggera psicosi che si manifesta alla vista di un asiatico. Un asiatico qualsiasi…è indifferente!
Quello che all'inizio potrebbe venire scambiato per un semplice interesse rivela la sua insana natura nel momento in cui:
- non lo si perde di vista per un secondo
- si da inizio ad una battaglia verbale su che cosa sta dicendo (l'allibratore inizia il giro per accettare le scommesse e ritirare i soldi)
- ci si accosta a lui furtivamente per sentire la lingua e individuarne la nazionalità, operazione che richiede appena pochi secondi visto che il soggetto affetto dalla patologia, ha ormai una insana conoscenza di ogni dialetto coreano, taiwanese o giapponese che sia.
Di non meno importanza è la strana attrazione per oggetti del tutto inutili che in qualche modo ricordano i drama come ciondoli, cuscini, penne e poster (chi più ne ha più ne metta) con su stampati gli idols orientali. Tipico esempio è la guerra sanguinaria scoppiata in quel di Roma per un cazzariello. Numerose sono state le vittime, ma solo una è riuscita ad uscirne vincitrice. Con la bava alla bocca, gli abiti stracciati, segni di morsi in tutto il corpo e stringendo ancora tra le dita ciocche di capelli dei suoi avversari, ha mostrato con orgoglio il suo cazzariello rivolgendo uno sguardo trionfante ai corpi straziati riversi sul campo di battaglia .
Ulteriore sintomo di questa malattia (che è irreversibile) è cucinare piatti tipici orientali e proporli a tutta la famiglia, condendoli con gusti propri con il risultato che di orientale hanno solo il nome.

Stato di Aggravamento

Il soggetto affetto dalla psicosi manifesta un ulteriore deterioramento del proprio stato di salute nel momento in cui, avendo dato fondo a tutte le sue fonti "italiane", va alla ricerca frenetica di nuovi spacciatori inglesi o spagnoli. Ne consegue che anche il soggetto con maggiori difficoltà nell'apprendimento di lingue straniere, in poco tempo diventa un vero esperto, peccato che la sua conoscenza sia limitata alla sola comprensione, in quanto la pronuncia risente di strane influenze asiatiche .
Quando poi la realtà si fonde con la fantasia e uomini in carne ed ossa, con una loro vita, vengono trattati come merce di scambio…allora la degenerazione è imminente!
I soggetti trattati hanno manifestato il loro stato di proprietarie dei suddetti uomini, con tutti i diritti che ne conseguono come l'usufrutto, la cessione temporanea e la vendita.
Per farvi meglio comprendere di cosa stiamo parlando abbiamo recuperato un reperto di enorme importanza, una conversazione che racchiude tutti gli stadi della psicosi, prestate molta attenzione perchè finalmente possiamo mostrarvi come si manifesta nella pratica questa dilagante malattia.
-Per una migliore comprensione, è utile dare uno sguardo ai soggetti della cosidetta "trattativa"-
incedibile, proprietà esclusiva del paziente M.
incedibile, proprietà esclusiva del paziente L.
incedibile, proprietà esclusiva del paziente M.
incedibile, proprietà esclusiva del paziente G.
incediblie, proprietà esclusiva del paziente S.

Paziente M. scrive:

parlavamo di una nostra vecchia conoscenza che fa discorsi strambi

mentre fissa la barra di emule

Paziente G. scrive:

ah bene, la conosco pure io?

Paziente M. scrive:

una cara ragazza

Paziente S. scrive:

secondo me non la conosci

Paziente M. scrive:

si simpatica lo è, con le sue stranezze ci fa fare delle matte risate

Paziente M. scrive:

però a volte è un po' impertinente e ha l'abitudine

Paziente G. scrive:

proprio una cara persona

Paziente M. scrive:

di afferrare tutto quello che gli capita sottomano

Paziente S. scrive:

soprattutto bei ragazzi

Paziente M. scrive:

eh si

Paziente G. scrive:

una persona di gusto, già mi piace

Paziente S. scrive:

si ma questi ragazzi sono di proprietà di altre

Paziente M. scrive:

anche se alcune volte abbiamo dovuto salvarla da risse

Paziente G. scrive:

secondo me la adorano tutti

Paziente M. scrive:

diciamo G. CHE TI SBAGLI

è una cara ragazza ma quando esagera la bambina va punita

ma sembra che le punizioni severe che gli abbiamo dato finora non sono servite

comunque diciamo che se firma il trattato di pace, consegnando ad ognuna di noi il proprio Idol, potrebbe essere perdonata

Joe è di L.

Paziente S. scrive:

POTREBBE non è detto

Paziente M. scrive:

potrebbe certo

Paziente G. scrive:

L. me lo lascia Joe…vero?

Paziente M. scrive:

anche perchè dovrà essere disarmata e non so se divisa in due, come la Germania

direi di no

Paziente S. scrive:

io direi solo disarmata

Paziente G. scrive:

come no L.

Paziente S. scrive:

in due sono troppe dopo

Paziente M. scrive:

divisa in due no? hai ragione

Paziente G. scrive:

ho pauraaa


Per leggere tutta la conversazione, aprire il reperto A ---> ---> Reperto A

Al momento la situazione è precaria, ci si aspetta possibili attacchi per la rinegoziazione delle trattative

Questa informazione ci è giunta in un foglietto anonimo passato sotto la porta mentre conducevamo i nostri studi.

Stadio Finale

Lo stadio finale lo si può notare in due sintomi particolari.
Il primo si esprime nel desiderio di voler vedere un particolare drama nella versione di un paese diverso, infatti un solo dorama con una precisa trama non è sufficiente per il drama-maniaco, che aspira a vederlo in più versioni.
Questo suo sogno innesca la ricerca folle di quel attore o di quella attrice che stanno-così-bene-ma-tanto-bene nella parte di quel personaggio fino ad arrivare al punto di imparare le lingue asiatiche in modo da poter rivolgere una petizione affinché quel drama venga realizzato.
Il secondo sintomo (nonché il più grave) consiste nella totale perdita di contatto con la realtà, il bisogno smodato, quasi incontrollabile di vedere tutto ciò che viene prodotto senza dover attendere l'uscita dei sub. Il soggetto infatti inizia una caccia disperata a siti, blog e programmi che gli permettano di vedere i suoi amati programmi in live. Non si arrende davanti a niente, fissa con agitazione l'orologio per non perderne nemmeno un minuto, comincia a sudare, ha continui attacchi di panico e si agita per la minima interferenza, infatti un calo di linea provoca in lui gesti incontrollabili e violenti.
Questi sintomi sembrano sparire nel momento in cui ha inizio la visione del drama tanto atteso, il soggetto comincia a sorridere con una faccia da ebete fissando i suoi beniamini sullo schermo . Non importa che non capisca niente di quello che dicono, che i loro versi gli risultino del tutto incomprensibili, il drama-maniaco è felice e soddisfatto. Inizia persino ad ipotizzare quello che potrebbe essere successo, discutendo sulle varie possibilità e accalorandosi pure.

La Cura

Ad oggi, non sono stati trovati trattamenti in grado di contrastare questa malattia. Tutte le cure che sono state tentate, si sono rivelate inefficaci. Sono stati adottati anche metodi drastici, come l'elettroshock causato dalla visione di programmi come "uomini e donne", "il grande fratello", "l'isola dei famosi" sino al trattamento più drastico, la visione de "la talpa". Inutile. Sembra che per questi soggetti non ci sia possibilità di ripresa, tantomeno l'eventualità di debellare completamente il male che li affligge.
Nonostante ciò, siamo rimasti basiti davanti al comportamento avuto dalle nostre pazienti al momento in cui abbiamo dovuto comunicare loro gli esiti degli esami. Ancora più strano è stato il loro atteggiamento quando gli abbiamo detto che al momento sembra non esserci una cura. Infatti sui loro visi si è dipinto una sorriso di pura gioia seguito da espressioni del tipo: xie xie, arigatoo, kamsahamnida .

Nessun commento: