mercoledì 23 luglio 2008

Corner with Love [轉角*遇到愛] - Zhuan Jiao * Yu Dao Ai

botonautores Scheda
300px-Corner_with_Love-_poster_2
Titolo: Corner with Love
Episodi: 16
Nazione: Taiwan
Sottotitoli: su Dic


botonautores Cast
Barbie Xu as Yu Xin Lei (俞心蕾)
Alan Luo as Qin Lang (秦朗)
Lu Jia Xin as Cai Xiao Yang (蔡小陽)
Dean Fujioka as An Teng Feng (安藤楓)

botonautores Trama
Xin Lei  e Qin Lang si conoscono per caso all’angolo di una strada di Shangai quando l'auto di lei e la bici di lui si scontrano. I loro caratteri molto diversi entrano subito in contrasto.
Xin Lei è figlia di un ricco imprenditore viziata e capricciosa, fidanzata e in procinto di sposarsi con un ragazzo bello e ricco che l’adora. Qin Lang invece è un ragazzo semplice, senza un soldo che lavora presso un ristorante.
Quando la Società del padre dichiara bancarotta il mondo di Xin Lei rimane sconvolto: i suoi genitori lasciano Shangai lasciandole solamente un biglietto aereo e le chiavi di una casa a Taiwan e il suo ragazzo, costretto dai genitori decide di lasciarla per sposarsi con un'altra ragazza facoltosa.
A Xin Lei non rimane altro che partire alla volta di Taiwan ma arrivata alla casa, che crede di sua proprietà, scopre che è già abitata proprio da Qin Lang e la sua famiglia…

Video
 
 




Recensione di Monica e Lori-sama



Ragazze sono contenta^^ Una bella recensione cattiva in questo nostro neo-nato blog non c’era e sono felicissima di cominciarne una io!!! (Figurarsi…ha parlato la sadica…)
Corner with love è una perdita di tempo. Ci sono milioni di cose più utili da fare che vederlo: del tipo, guardare l’oblo della lavatrice girare è sicuramente più costruttivo e impegnativo di questo drama. Quindi ragazze non perdete tempo passate oltre! (Non è affatto vero…-__- ma voi ragazze lasciatela pure parlare...)
Immagino che dopo un inizio così poco lusinghiero avrete smesso di leggere la mia recensione quindi potrei smettere anche di scrivere ma non posso proprio non togliermi la soddisfazione di sfogarmi . (Quanta pazienza ci vuole con te…)

Da questo momento in poi potreste avere delle difficoltà a comprendere quanto scritto dalla nostra Monica, ma niente paura, io vi farò da supporto e tradurrò le parti più difficili, quindi leggete pure senza troppi pensieri…

La sceneggiatura
Io ho un sogno: conoscere lo sceneggiatore di questo drama. Avrei voglia di sedermi con lui e chiedergli come è riuscito a creare una storia così pregna di colpi di scena e di situazioni originali, come ha creato una storia così ben strutturata e caratterizzata (dite che sto esagerando???!!! Si capisce troppo che lo sto sfottendo???!) e in attesa di andare a Taiwan e sicuramente per una stranissimo caso riuscire a sedermi nello stesso bar di questo uomo meraviglioso l’ho immaginato nella stesura di questa particolarissima sceneggiatura.
All’inizio lo sceneggiatore, tutto gasato, comincia in modo “originalissimo”: i due si incontrano per caso all’angolo di una strada e siccome Shangai è “solamente” una città con 30.000.000 milioni di persone è naturale che si incontrino di nuovo casualmente… (Qui Monica voleva semplicemente dirvi che i due personaggi dopo un primo incontro alquanto turbolento, torneranno ad incontrarsi finendo per diventare “pseudo” amici…dico pseudo perché la loro storia è parecchio travagliata)
Purtroppo però i nostri eroi sono costretti per gli eventi della vita a trasferirsi.
(Lui ha finalmente raggranellato abbastanza soldi per comprarsi un biglietto aereo e tornare a casa e lei porella ha perso tutto e la sua famiglia dichiara bancarotta. Ovviamente i suoi amorevoli genitori scappano lasciandola nella palta, MA CHE TESORI VERO?)
A questo punto lo sceneggiatore, è un po’ perso, e non sa come venirne fuori. Finché non sente una frase: “il mondo è piccolo”. Lì gli si apre un universo intero di possibilità: immagina che non sia troppo impossibile che i due si trasferiscono nella stessa regione no?! Però a questo punto perché non fare nella stessa città?! Ci pensa un attimo su e considera che in definitiva forse anche lo stesso quartiere potrebbe andar bene… nessuno dirà che sia troppo forzata come coincidenza no?!
Ma a quel punto, quel furbacchione dello sceneggiatore ha un lampo di genio, da una svolta decisiva al drama e decide a quel punto di farli incontrare proprio nella stessa casa, con il motto famosissimo a Taiwan,  fatto 30 fai 31!
(Ovvero i nostri genitori dell’anno hanno lasciato alla figlioletta adorata una chiave del loro “resort” a Taiwan e la povera ingenua ci si fionda ritrovandosi così a vivere nella casa del suo “pseudo-amico”)
A questo punto lo sceneggiatore però è di nuovo a un punto morto.  I nostri protagonisti a questo punto vivono nella stessa casa ma ci manca qualcosa… riflette un po’ mentre sorseggia il suo tè e vede la De Filippi con “Uomini e donne” dal canale satellitare (sarà questo la causa dei suoi gravi problemi?!)… e decide che vuole lasciare il segno nel mondo dei drama e a quel punto opta per un falso fidanzamento!!!!!! Ah ecco… proprio questo ci mancava^^ e tutto soddisfatto si compiace di se stesso . (Ma porello…in che altro modo poteva fare? La nonna di lui è una specie di virago…qualche balla la dovevano pur spiattellare no? Su dai…un po’ di comprensione)
A quel punto lo sceneggiatore è ormai completamente carico e ne trova una dopo l’altra, battibecchi tra loro due come se fossero all’asilo (avevo il timore che da un momento all’altro lei gli rubasse la tavolozza dei colori e sai che casino^^), un ragazzo bello e ricco che lo fa ingelosire un po’, una ragazza innamorata di lui che farà tutto per separarli, un ex ragazzo che torna e lei che si sacrifica per il suo amore filiale… ottimo direi, una novità dopo l’altra insomma!!!!  (Sei incontentabile! Guarda quante cose ti hanno inserito! Specie il ritorno del fidanzato è stato un tocco di genio…hihi soffri str***o!)

Regia

Immaginate questa scena: primo piano dei lori visi, i loro sguardi si incontrano e rimangono avvinti per vari secondi, il tempo sembra sospendersi per un attimo… incerto, poi si salutano. Si voltano le spalle e continuano ognuno verso la propria strada, schiena contro schiena, soli. Il regista segue il loro allontanarsi come a voler simboleggiare che ormai hanno preso due lontanissime direzioni!
Una scena romantica vero????!!! (Sisi! Altrochè) Beh ripetetela per almeno 30 - 40 volte e avrete voglia di prendere i protagonisti e falciarli li per li con un caterpillar e se non fosse sufficiente fare anche retromarcia e avreste un desiderio sfrenato di prendere il regista e torturarlo lentamente… molto lentamente!!!! (^^;; Ehm…ok…forse qualche ripetizione c’è ma…non ti sembra di essere un po’ sanguinaria? In fondo questo tipo di scena è diventata distintiva della loro storia, no?)

La recitazione
Lei è Barbie. (Che avete capito?! Non solo di nome ma anche di fatto)
Vista l’originalità del drama ha due espressioni importanti
1-      la prima quella stizzita, e visto che lei sembra che abbia qualcosa infilato li dove non batte mai il sole devo dire che gli riesce piuttosto bene.
2-      ops ho detto due???? Rettifico 1 e basta (^^;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;; Non credo ci siano problemi di traduzione qui…)

Lui è Ken. (Ora avete capito perché, giusto?!)
Lui per la maggior parte del drama ha la faccia da idiota e devo dire che come Ken lo hanno disegnato così bene che riesce a sostenere la parte in ogni occasione. (Ma poverinoooooooooooooooooooooooooooooooo! Nooooooo! Il mio Qin Lan è un bravissimo ragazzo!!!!!!!!!! E’ vero ha la faccia da ingenuotto ma…è tanto pucciiiiiii!)

Credete che sono stata troppo cattiva?! (Un pochettooo)

Nota:
La vera meraviglia di questo drama devo dire che sono i disegni, senza sarcasmo stavolta però!
Li ho trovati di una poesia straordinaria.

Nessun commento: